ACTA APOSTATICAE SEDIS : come, cambiando un po' qua e un po' la, si può cambiare tutto...

sabato 17 giugno 2017

Vieni avanti Bergoglio..

Il prossimo attacco teologico sarà alla Presenza Reale di Gesù Cristo nella santa Eucarestia


L’opera di distruzione sistematica della Chiesa cattolica da parte clero conquistato dalle idee protestanti e moderniste ha assunto un ritmo incalzante, quasi frenetico. L’attacco si sviluppa su due fronti: organizzativo e disciplinare, da un lato, teologico e dogmatico, dall’altro: in un certo senso, essa presenta tutte le caratteristiche di un contro-concilio di Trento, nel senso che si è prefissa di rovesciare tutte le principali decisioni che, in quei due ambiti, furono prese a Trento, là dove erano state fissate le precise coordinate della fede cattolica e della vita ecclesiastica. Su entrambi i fronti l’attacco è condotto con un misto di prudenza e spregiudicatezza, ma, nel complesso, nel primo caso appare più scoperto ed esplicito, mentre nel secondo, per ovvie ragioni, è assai più cauto e, fin dove possibile, sotterraneo, o quanto meno obliquo.
Sul fronte organizzativo e disciplinare, sono stati commissariati, ingabbiati e pubblicamente umiliati i Francescani e le Francescane del’Immacolata, poi è stata la volta dei Legionari di Cristo ad essere colpiti, nonché infangati sul piano morale, e ora sono nel mirino gli Araldi del Vangelo. La tecnica è sempre la stessa: colpire direttamente il fondatore con accuse infamanti, per paralizzare l’intera struttura e gettare la confusione e il turbamento sia all’interno, sia all’esterno, fra quanti seguivano con simpatia queste realtà. Contemporaneamente, si fanno dei piccoli, ma costanti passi avanti per intaccare il celibato ecclesiastico, per aprire la strada al sacerdozio femminile, per “perdonare” e, probabilmente, reintrodurre nel clero i preti sposati o conviventi more uxorio, ovviamente senza fare distinzioni fra convivenze eterosessuali e omosessuali, per non discriminare né offendere alcuno e per “non giudicare” il prossimo. Frattanto, gli abusi liturgici divengono la regola e ogni sacerdote è lasciato libero di sbizzarrirsi a suo talento, anzi, sovente  viene incoraggiato a farlo, in nome della “vicinanza alla gente”, della “inclusione dell’altro”, della capacitò di “dialogare” con gli uomini del nostro tempo: dalla messa con i burattini (non osiamo scrivere la parola “messa” con la maiuscola), all’aperimessa con  relativi balli da discoteca, al prete che va all’altare in monopattino, o che spruzza sui fedeli l’acqua santa con il fucile giocattolo, o che entra in un canotto, davanti all’altare, e fa finta di vogare, per simulare “il dramma dei migranti” e inculcare il dovere dell’accoglienza incondizionata, o di quell’altro sacerdote che, sempre sull’altare, chiama presso due di sé due lesbiche che si sono appena “sposate” in municipio, le presenta festosamente ai fedeli e si rammarica del fatto che la Chiesa non possa unirle nel vincolo del Sacramento religioso.
Ma l’elenco delle stramberie, delle futilità e delle parodie del sacro potrebbe proseguire per pagine e pagine, ad esempio toccando il tema della musica “sacra” e dell’arte “sacra”, come nel  caso del raccapricciante e blasfemo affresco che è stato dipinto nel Duomo di Terni, per ispirazione dell’allora vescovo, Vincenzo Paglia, che trasforma la Resurrezione in una laida e assurda glorificazione del vizio e  del peccato.
Sul fronte teologico e dogmatico, evidentemente, le mosse sono più caute, ma anche qui si è vista una progressione crescente, irresistibile, verso l’eresia e l’apostasia dalla fede cattolica, mai però apertamente ammesse e dichiarate, al contrario, spacciate per “approfondimento”, “chiarificazione”, “maturazione”, “discernimento”, e in cento altri modi similmente truffaldini e sacrileghi. Ha destato sensazione, ma non quanta sarebbe stato necessario, la visita di papa Francesco a Lund, in Svezia, per commemorare i 500 anni dell’eresia luterana, naturalmente guardandosi bene dal chiamarla “eresia” e presentando anzi Lutero come un coraggioso e nobilissimo campione della fede; e ha fatto parlare la sua partecipazione a una liturgia “ecumenica” che non si saprebbe in qual modo chiamare, mentre, in compenso, si sa come si è regolato il papa quando la comunità cattolica svedese gli ha chiesto di celebrare, per lei, la santa Messa: lo ha concesso malvolentieri, quasi brontolando, seccato perché non l’aveva minimamente programmata e, anzi, come ha spiegato lui stesso, perché non aveva inteso far nulla che potesse “disturbare” il clima di dialogo tanto  “costruttivo” con i fratelli luterani. Perché il dialogo, per lui, consiste in questo: nel vergognarsi di essere cattolici, nel nascondere la propria identità cattolica, anzi, nel bastonare i cattolici un po’ troppo “rigidi” (secondo la sua formula), troppo “ideologicamente” legati alla dottrina (sempre parole e concetti suoi), e nel profondersi, per converso, nelle lodi più sperticate verso i protestanti, i giudei, i musulmani, i buddisti, e soprattutto gli atei, i massoni, i radicali e tutti le persone e i gruppi irreligiosi, anticristiani e anticattolici dell’universo mondo.
Pochi, però, sia fra i critici, sia fra i moltissimi favorevoli, si sono accorti che, in Svezia, e anche prima di quel viaggio, il papa Francesco non si è limitato a lodare Lutero e a minimizzare le ragioni della divisione fra cattolici e protestanti; ma è entrato decisamente nel vivo della questione teologica e ha gettato le premesse per l’accoglimento pieno della dottrina luterana su tutti i principali punti in sospeso, dal servo arbitrio alla giustificazione per la sola fede, e anche, cosa più grave di tutte, sulla Presenza Reale di Gesù Cristo, Corpo e Sangue, nel Sacrificio della santa Messa. Ora, se venisse lasciato cadere questo punto, il cattolicesimo sarebbe colpito al cuore: sarebbe finito, semplicemente. Non esisterebbe più, anche se le apparenze potrebbero far pensare il contrario, e anche se papi come Francesco fossero ancora in grado di riempire le piazze (un po’ meno le chiese, a quel che è dato vedere).
Qualcuno potrebbe pensare che stiamo esagerando; che le cose non sono ancora arrivate a questo punto. Niente affatto: è dall’epoca della visita del papa in Svezia, nell’ottobre-novembre 2016, che le cose sono a questo punto, e ora, probabilmente, sono andate ancora oltre, grazie alle varie “commissioni di studio” che si stanno ingegnando di contrabbandare come cattolica, in un prossimo futuro, una teologia che, per poter piacere ai luterani, cattolica non è.
Del resto, il Vaticano ha praticamente ammesso che l’obiettivo del tanto sbandierato ecumenismo post-conciliare è quello di ridurre la dottrina cattolica sulla misura di quella protestante. Si rilegga la nota ufficiale della Santa Sede a corredo del viaggio in Svezia del papa, concordata con la controparte protestante e  diramata nella classica forma della “nota congiunta”:
L’evento congiunto della Federazione Luterana Mondiale (LWF) e della Chiesa Cattolica Romana intende mettere in evidenza i 50 anni di continuo dialogo ecumenico fra cattolici e luterani e i doni derivanti da tale collaborazione. La commemorazione cattolico-luterana dei 500 anni della Riforma si impernia sui temi del rendimento di grazie, del pentimento e dell’impegno nella testimonianza comune. L’obiettivo è esprimere i doni della Riforma e chiedere perdono per la divisione perpetuata dai cristiani delle due tradizioni.
Per favore, si rilegga il passaggio: L’obiettivo è esprimere i doni della Riforma. Ma di quali doni stiamo parlando, in nome di Dio? La Riforma è stata portatrice di doni, è stata un dono essa stessa? E, in tal caso, un dono in che senso, di chi, per fare cosa? Non si parla più di errori teologici, cioè di eresie; si parla solo di “doni”: l’eresia è diventata un dono. La negazione del libero arbitrio, la giustificazione con la sola fede, la libera interpretazione delle Scritture, l’eliminazione della sacra Tradizione, il sacerdozio universale dei credenti, la riduzione dei sacramenti da sette a due, l’abolizione del culto degli Angeli, dei Santi e di Maria Vergine, la soppressione degli ordini religiosi, il saccheggio dei beni della Chiesa, la decapitazione di Tommaso Moro, lo squartamento dei gesuiti inglesi, il sacco di Roma da parte dei lanzichenecchi luterani: sono questi i doni della Riforma? E da quando sono diventati dei doni? E da quando la Riforma è stata una riforma, e non una distruzione pura e semplice della Chiesa, con tanto di nozze sacrileghe fra l’ex frate Lutero e l’ex monaca Katharina von Bora, e l’invito a tutti i religiosi a rompere i sacri voti e fare come loro? Tutto questo, peraltro, è perfettamente in linea con la strategia di “riconciliazione” propugnata da papa Francesco nei confronti dei protestanti, ad onta del fatto che le chiese protestanti siano desolatamente vuote e che un miliardo e 300 milioni di cattolici si vedono impegnati in un accordo al ribasso con i quattro gatti della svariate denominazioni protestanti; il che, anche da un punto di vista solamente numerico e quantitativo, ha decisamente qualcosa di strano. Sorge perciò il sospetto: tutta questa smania di arrivare ad una riconciliazione con i luterani non nascerà, per caso, dal fatto che, in queste sedicenti chiese, vigono il sacerdozio femminile, il matrimonio dei pastori, il sacerdozio omosessuale e altre belle cose di questo genere, e che, arrivando a un pieno accordo con i cosiddetti riformati, automaticamente si importeranno anche le loro peculiarità di tipo liturgico e pastorale, oltre che teologico?
Peraltro, è difficile sottrarsi all’impressione che tutto quanto è accaduto finora, altro non sia che una marcia di avvicinamento al vero obiettivo, il Sacrificio della Messa. Da che mondo è mondo, la regola numero in guerra è: colpire al cuore l’avversario. Il cuore della Chiesa cattolica è la Presenza Reale di Gesù Cristo nel Sacramento dell’Eucarestia. Chi volesse attaccare e tentar di distruggere la Chiesa cattolica, colpendola in quel punto otterrebbe, d’un tratto, una serie di risultati che, altrimenti, richiederebbero una serie di azioni distinte, difficili, complesse, di esito incerto. Invece, se si riesce a scuotere la fede nella Presenza Reale, anche senza prendere di petto l’aspetto teologico e dogmatico della questione, si sarà inferto un colpo mortale alla Chiesa e al cattolicesimo.
Vale la pena di rileggersi la parte iniziale di un’intervista concessa da don Francesco Ricossa a Jérôme Boubon, del settimanale francese Rivarol, il 18 novembre 2016, e pubblicata sul numero del 24 novembre successivo, e reperibile gratuitamente anche in rete:
RIVAROL: Quali riflessioni le suggeriscono il recentissimo viaggio in Svezia di Bergoglio, viaggio che avuto ufficialmente lo scopo di dare inizio a un anno di celebrazione dei cinquecento anni della Riforma di Martin Lutero, e le dichiarazioni di Francesco su Lutero e con i luterani, nonché la sua partecipazione in una cattedrale luterana ad una riunione con una donna “vescova” e il capo della chiesa luterana di Svezia. Viaggio nel corso del quale Bergoglio non aveva neanche previsto di dire “Messa” (o più esattamente la sinassi di Paolo VI) mentre la scontenta comunità cattolica locale gli ha forzato la mano, cosa che è inaudita?
DON FRANCESCO RICOSSA: Innanzi tutto, questa visita in Svezia è il seguito immediato del pellegrinaggio dei luterani a Roma. Bergoglio li ha ricevuti in Vaticano il 13 ottobre con al fianco la statua di Martin Lutero, e già prima si era recato nel tempio luterano di Roma. La visita in Svezia non è che l’inizio delle iniziative ecumeniche per l’anniversario dei cinquecento anni della Riforma e in fondo, anche se Bergoglio l’ha fatto in maniera più aperta, egli ha solo ripreso la linea di condotta dei suoi predecessori. Infatti, già Giovanni Paolo II e Benedetto XVI avevano espresso grandi elogi per Martin Lutero. Questo non è altro che la conferma di quello che si diceva negli anni ’70: “la nuova messa è la messa di Lutero”. Si è gridato allo scandalo quando lo dicevano i tradizionalisti, ma in definitiva è un’evidenza.
D’altronde, la misericordia come la intende Bergoglio è del tutto luterana. Egli parla dell’uomo che può solo peccare, che quasi deve compiacersi nel peccato e che si salva per la misericordia di Cristo anche se non si allontana dal peccato. Ne ha parlato senza posa e in particolare lungo l’anno detto della misericordia che si è chiuso domenica scorsa. Il peccato è nell’uomo, non si può eliminare ed è coperto dal mantello della Passione di Cristo. Nel suo discorso ai missionari della misericordia, Bergoglio ha detto che anche se un penitente non confessa il suo peccato o non vuole abbandonarlo, la misericordia del Signore lo perdona. Questa è un’idea luterana. Nel documento “Dal conflitto alla comunione”, del giugno 2013, egli ha scritto (n. 154) che anche teologicamente, non solo sulla giustificazione, ma anche sulla Presenza Reale, la Transustanziazione essendo considerata come non essenziale In ogni caso, io penso anche che se Lutero tornasse sulla terra, troverebbe che Bergoglio va troppo in là col progressismo!

di Francesco Lamendola del 17-06-2017

continua su:


http://www.liberaopinione.net/wp/?p=14888

4 commenti:

  1. Bravissimo prof. Lamendola! Queste cose vanno dette e ripetute. C' è solo da stupirsi che l clero e molti fedeli, rimbambiti dai mezzi di comunicazione e dagli apparati di rincitrullimento e propaganda, non abbiano ancora aperto gli occhi e si trastullino giulivi senza accorgersi che ormai di cattolico è rimasto ben poco e che la direzione è quella di un sincretismo relativista e zuccheroso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ben peggio "di un sincretismo relativista e zuccheroso", qui siamo proprio in pieno mysterium iniquitatis, con appoggio preternaturale ai massoni adoratori di satana, attualmente al comando sia a livello politico (ONU, UE, USA di Obama e Clinton) che religioso (Bergoglio e la sua corte dei miracoli...satanici). Urge quindi un aiuto soprannaturale anche a noi, altrimenti la partita è perduta su tutti i fronti. Speriamo nella Russia, sul fronte politico (oltre ad atri paesi ex comunisti, come Polonia ed Ungheria), e nel clero tradizionalista (FSSPX, Unione Sacerdotale Marcèl Léfébvre) a livello ecclesiastico. Però è necessario, anzi indispensabile, intensificare la preghiera, in special modo la recita quotidiana del Santo Rosario, chiedendo che venga abbreviato il tempo della prova e si realizzi al più presto il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria SS.ma. Dai modernisti liberaci, o Madre !

      Elimina
  2. Tutto quel che - di apparentemente pagliaccesco e manicomiale - viene mandato in scena dalla neo-chiesa, in realtà è un'opera allestita dall'eterno satanico impresario.

    E l'opera, guardata DAL PUNTO DI VISTA DI QUEST'ULTIMO, è perfettamente consequenziale: continuare a far fuoco a palle incatenate finché non siano stati annientati tutti i navigli dell'odiato Bersaglio di sempre, mirando ovviamente ad affondarne la Corazzata.

    E occorre dire che il satanasso stavolta ha cambiato strategia: non più ingaggio di figuri semiesterni, che non hanno mai cavato un ragno dal buco, ma MERCENARI gaglioffi della maison, facce-di-bronzo DOC.

    RispondiElimina
  3. Quando arrivai all’università, nella 2^ metà degli anni ’60 (il ’68, la contestazione generale, il “vietato vietare”, ecc.) i goliardi anziani (lungodegenti nullafanceti), fighetti extracomunitari di sinistra mantenuti dal papà, da cui nacquero potere operaio e le brigate rosse, mi prendevano in giro perché dichiaravo orgogliosamente di credere nella Transustansazione, che loro negavano e disprezzavano.
    Adesso mi vedo un papa (ma sarà tale?) che sta tramando per estrometterla dalla Santa Messa, portando così a termine l’opera di protestantizzazione della messa Sacrificio della Croce iniziata da Montini e Bugnini e approdata al N.O.M., una cerimonia ambigua e ibrida, un’imitazione della cena protestante, con lo snaturamento della figura del celebrante (Alter Christus), dei fedeli (concelebranti? Follia pura), delle varie parti della liturgia, degli stessi edifici sacri (non più a forma di croce latina).
    Stando alle profezie, sembra che quest’uomo, inqualificabile, riuscirà nel suo intento e il SS.mo Sacramento scomparirà dalle chiese (ce lo ha detyo anche Pio XII), ma sarà solo per un periodo preciso, stabilito dall’Onnipotente (1290 giorni, mi sembra), dopo di che ci sarà il”redde rationem”, e per questo clero apostata e traditore, passato nelle file di Lucifero, saranno cavoli amari, molto amari. Preghiamo il S. Rosario per affrettare il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria SS.ma, unica speranza di salvezza, per noi. Dai modernisti liberaci, o Madre !

    RispondiElimina